Il mito delle Moire o Parche mi ha da sempre affascinato ( come d’altronde tutta la mitologia greco-romana) ma la rappresentazione della vita umana come un filo rende veramente bene l’idea della nostra fugacità e piccolezza. In questo breve componimento in terzine con rime baciate il tempo (il dio Crono) è protagonista assoluto e attraverso la Moira impone la sua legge fatale ed innarestabile. L’unica cosa che ci rimane da fare è godere di ciò che abbiamo grazie al dono di Afrodite.

La legge dell’Esimio Crono
che dall’alto del suo trono
dispensa, è dura ed insidiosa.

Il filo della Moira silenziosa
che dall’Ade oscuro e tenebroso
intreccia, è aspro e nodoso.

Ma, il dono della Cipride Afrodite,
arma sacra e sopraffina, tiene unite
le nostre sorti dinanzi alla temibile tenzone.

Categorie: Creative Writing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Creative Writing

Capitolo 5 - Parte 1- La Regina della Pace

Il capitolo 5 di questa storia d’amore si divide in tre parti. In questa prima parte troviamo la canzone “Queen of Peace”. In questo brano Florence Welch racconta la storia di un re e di Leggi tutto…

Creative Writing

Saffo

Tra i poeti e le poetesse dell’antica grecia, Saffo è sicuramente una delle più interessanti ed affascinanti. L’amore che nelle sue poesie possiamo ancora assaporare è breve ma intenso, proprio come un atto d’amore. Tra Leggi tutto…

Creative Writing

Ode to the Music

Nella seguente poesia cerco di celebrare una delle compagne di vita più importanti di tutti noi essere umani, la musica. Essa è per me una delle Muse più seducenti, la sua presenza è in grado Leggi tutto…

PageLines