Il mito delle Moire o Parche mi ha da sempre affascinato ( come d’altronde tutta la mitologia greco-romana) ma la rappresentazione della vita umana come un filo rende veramente bene l’idea della nostra fugacità e piccolezza. In questo breve componimento in terzine con rime baciate il tempo (il dio Crono) è protagonista assoluto e attraverso la Moira impone la sua legge fatale ed innarestabile. L’unica cosa che ci rimane da fare è godere di ciò che abbiamo grazie al dono di Afrodite.

La legge dell’Esimio Crono
che dall’alto del suo trono
dispensa, è dura ed insidiosa.

Il filo della Moira silenziosa
che dall’Ade oscuro e tenebroso
intreccia, è aspro e nodoso.

Ma, il dono della Cipride Afrodite,
arma sacra e sopraffina, tiene unite
le nostre sorti dinanzi alla temibile tenzone.

Categorie: Creative Writing

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articoli correlati

Creative Writing

Notte

La Notte, protagonista di questa poesia, è una dea bellissima pacifica e silenziosa che avvolge il mio paese e da forma a quell’atmosfera “Romantica” che si può  ancora percepire al di fuori dell’uscio. Nelle sere Leggi tutto…

Creative Writing

Tanto solinga e tanto cupa pare & Di Malena, i capei d’ombra sparsi

Ho scritto questi due sonetti riflettendo sulla protagonista del film Malena di Tornatore. Malena, interpretata da Monica Bellucci, è una donna sola e dotata di una bellezza quasi soprannaturale in grado d’infiammare gli animi di Leggi tutto…

Creative Writing

Capitolo 5 - Parte 1- La Regina della Pace

Il capitolo 5 di questa storia d’amore si divide in tre parti. In questa prima parte troviamo la canzone “Queen of Peace”. In questo brano Florence Welch racconta la storia di un re e di Leggi tutto…

PageLines