Questa poesia è stata composta in occasione della scomparsa dell’attrice Carrie Fisher, che nei panni della principessa Leila tanto mi ha insegnato sul coraggio delle donne. Come in tutte le leggende antiche o miti moderni, anche Guerre Stellari molto deve al suo personaggio femminile e per questo ho deciso di scrivere questo breve componimento. In particolare, attraverso queste parole voglio sottolineare alcuni aspetti rivoluzionari che questo personaggio all’epoca dell’uscita del primo film diede alla figura della donna. Infatti, la figura della principessa Leila è una delle prime in grado di rappresentare tutte le conquiste in materia di diritto ma anche di immagine che le donne hanno conquistato tra gli anni 60 e 70 del Novecento.

 

Nella galassia il tuo gentil sorriso
mancherà, principessa stellare.
Tanto tempo fa, una Donna, legata
temuta e maltrattata,
ha donato: coraggio,
speranza e amore al mondo intero.
Tra scintille di spade e rimbombi
di spari una Donna ribelle
ha riportato la pace.
Donna e non più strumento
dell’Impero fatale,
del costume da schiava
con forza ti sei liberata.
Se solo leggenda o mito stellare
poco importa, la tua Forza
ci insegna e ci guiderà per sempre
al di là di questo lato oscuro.

Categories: Creative Writing

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Related Posts

Creative Writing

Rinascita

Sospiro, Il vento fa fremere le fronde spoglie Pace invernale. Sussurra un piano; Parole nordiche Magiche litanie pagane. Sogno. Il tocco della neve Sulla mia nuda pelle Brivido Tremore Rinascita.

Creative Writing

Giuda

Bacio afrodisiaco, Bacio traditore, uragano di passione violenti lo spirito come un pugnale nel cuore, sconvolgi la vita di ogni povero peccatore. Bacio afrodisiaco, Bacio traditore, uragano di passione divori la mente come un ciclope Read more…

Creative Writing

Immagina un’Utopia

[…] Imagine there’s no countries It isn’t hard to do Nothing to kill or die for And no religion too Imagine all the people living life in peace, you […] Imagine no possessions I wonder Read more…

PageLines